Sassofono soprano – 3 stili per la vostra espressione musicale!

I sassofoni soprano sono popolari sia nelle big band che negli ensemble jazz grazie al loro suono espressivo e deciso. Il soprano è uno degli strumenti con il suono più acuto della famiglia dei sassofoni ed è ideale per i passaggi melodici principali in tutti i generi musicali.

Per chi è adatto il sassofono soprano?

Nonostante le dimensioni piacevolmente maneggevoli, il sassofono soprano è meno adatto, almeno per i principianti assoluti. Tuttavia, chi ha già acquisito una buona padronanza del sassofono contralto ed è alla ricerca di un secondo strumento interessante è esattamente nel posto giusto. Tuttavia, l’intonazione alta è il motivo per cui il soprano è più difficile da suonare all’inizio. Il tono non è stabile come quello del sassofono contralto, ma può essere facilmente distorto da un’imboccatura instabile. Si alzano poi toni sgradevolmente striduli, quasi nasali. Con molto entusiasmo e una pratica regolare, tuttavia, può diventare lo strumento dei vostri sogni.

Che suono ha il sassofono soprano?

Il sassofono soprano è uno dei sassofoni più corti ed è accordato in Sib. Ciò significa che si tratta di uno strumento di trasposizione in cui la nota suonata dall’ancia non corrisponde alla nota suonata. È un’ottava e qualche semitono più alta. Se si suona un Do su un sassofono soprano, in realtà si suona un Sib. La gamma totale si estende ufficialmente dal la bemolle al mi bemolle3 (e3), ma dipende anche molto dal virtuosismo dell’esecutore e può essere più stretta o più ampia a seconda delle capacità.

Saxofono soprano: funzione e costruzione

In origine, il sassofono soprano fu progettato e brevettato da Adolphe Sax con una campana diritta e conica. Questo lo rende un po’ più simile al clarinetto rispetto agli altri sassofoni. A causa della lunghezza ridotta di circa 60 centimetri, il corpo è realizzato in un unico pezzo. La colonna d’aria ha così un percorso stabile all’interno dello strumento, il che rende il suono più pieno e migliore nel suo complesso, il che è particolarmente importante nei registri più alti. Non ha un collo separato per il sassofono, solo il bocchino è attaccato per suonare. Tuttavia, l’embouchure e il supporto (respiro controllato e continuo) devono essere sufficientemente forti nella costruzione diritta per ottenere toni affidabili e potenti dallo strumento.

Saxofono soprano con punta piegata in avanti

In effetti, ci sono anche soprani curvi qua e là. Sono particolarmente apprezzati dai giovani o dai principianti, perché ricordano maggiormente i rappresentanti del sassofono e quindi si prestano a una gestione familiare. Inoltre, sono molto più corti e occupano meno spazio nella custodia.

Se si vuole registrare la propria esecuzione, è anche più facile allineare il microfono davanti alla campana in modo da catturare tutti i timbri dello strumento. Il suono non proviene solo dalla campana frontale, ma da tutti i fori di tono aperti lungo il corpo.

L’arco a S del sassofono soprano può essere piegato?

Un altro design molto intelligente è un corpo prevalentemente dritto, che tuttavia presenta una leggera curva all’altezza del punto in cui normalmente si troverebbe un arco a S. Il vantaggio è che il manico curvo spinge l’aria nello strumento con una pressione maggiore, il che significa che l’esecutore non deve applicare un’eccessiva embouchure. Questo rende l’esecuzione un po’ più agevole con la stessa favolosa qualità del suono e vale sicuramente la pena di prenderlo in considerazione per i principianti del soprano.

Alcuni produttori (come Thomann) forniscono anche i loro strumenti con colli intercambiabili per sassofono, in modo da poter scegliere il suono e le caratteristiche esecutive più adatte a voi.

Criteri d’acquisto di un sassofono soprano

Acquistare un sassofono in negozio

Nel negozio troverete il vostro sassofono soprano.
Nel negozio troverete il vostro sassofono soprano.

Naturalmente, il modo più semplice è quello di acquistare uno strumento completamente nuovo, perché in questo modo si ottiene una garanzia e si può essere certi che lo strumento suonerà perfettamente. Alcuni giocatori amano andare alle mostre di strumenti per suonare in modo approfondito. Se il viaggio è troppo lungo o se si preferisce provare diversi sassofoni a casa in un ambiente familiare, i rivenditori online come Thomann sono ottimi partner. È possibile provare ogni strumento per 14 giorni prima che l’acquisto diventi legalmente vincolante. Se dopo il termine legale di 14 giorni vi accorgete che lo strumento non vi soddisfa, potete restituirlo a Thomann entro 16 giorni. Il periodo di 30 giorni sarà sicuramente sufficiente per avere un quadro completo dello strumento dei vostri sogni.

Opzioni di acquisto a noleggio per sassofoni

Un’altra possibilità per ottenere un buon strumento senza dover spendere direttamente grandi somme di denaro è l’acquisto a rate. In questo caso, si stipula un contratto di noleggio per lo strumento scelto con un rivenditore di musica locale o con un rivenditore che opera in tutta la Germania. Per un compenso di 20-40€* al mese, è possibile suonare lo strumento. Naturalmente, è necessario trattare uno strumento a noleggio con la massima attenzione possibile, ma questo vale per qualsiasi strumento. Se lo desiderate, il contratto può essere stipulato in modo da ammortizzare l’intero prezzo di acquisto dello strumento pezzo per pezzo attraverso i canoni di noleggio. Questa offerta è particolarmente vantaggiosa se non siete ancora sicuri che il sassofono soprano sia adatto a voi e volete continuare a suonarlo. Le offerte di noleggio sono ideali anche per i bambini che hanno appena iniziato a studiare uno strumento.

Acquistare un sassofono soprano usato da un venditore privato è una buona idea?

Prima di lanciarvi nel mercato dell’usato, vi diamo alcuni consigli su cosa dovete cercare. Soprattutto per i principianti, spesso non è evidente se uno strumento, nonostante l’età, sia ancora in buone condizioni di funzionamento. Pertanto, è consigliabile portare con sé all’ispezione qualcuno che abbia già un po’ di esperienza in più. Ad esempio, l’ideale è il vostro insegnante di sassofono o comunque qualcuno che abbia molti anni di esperienza con lo strumento. È necessario prendersi il tempo necessario per esaminare attentamente lo strumento e provare tutte le note. Assicuratevi di portare con voi un sintonizzatore, perché non dovete affidarvi solo all’udito. Anche una semplice torcia può essere utile per trovare le chiavi che perdono.

L'esperto ripara sassofoni bassi e soprano.
L’esperto ripara sassofoni bassi e soprano.

Acquistare un sassofono soprano usato da un rivenditore

Il modo più sicuro per acquistare uno strumento usato è rivolgersi a un rivenditore specializzato che provvederà a una revisione generale dello strumento prima di cederlo. Ad esempio, le chiavi usurate vengono ribattute e regolate o l’intonazione del sassofono viene testata per evitare spiacevoli sorprese. In tutta la Germania esistono tre aziende specializzate nell’acquisto e nella rivendita di vecchi strumenti riparati, che vi offrono l’opportunità di acquistare strumenti di grande marca a prezzi molto equi.

Accessori per il sassofono soprano

Esistono bocchini, ance e legature speciali per il sassofono soprano.
Esistono bocchini, ance e legature speciali per il sassofono soprano.

Poiché il sassofono soprano non ha un arco a S, gli unici parametri attraverso i quali è possibile influenzare il timbro sono gli accessori, ossia il bocchino, le ance e la legatura (vite dell’ancia). Alcuni discutono sull’influenza di questi componenti, ma nel complesso si può confermare che i diversi materiali sono percepiti in modo diverso e che ogni artista ha le sue preferenze. Anche in questo caso, c’è una giungla di possibilità che si possono eliminare con l’aiuto di alcune domande.

Trovare bocchini per sassofono soprano – ma come?

Naturalmente, la maggior parte dei bocchini è destinata ai sassofoni contralto e tenore, semplicemente perché queste due altezze sono le più suonate in questa famiglia di strumenti. Tuttavia, per la maggior parte dei bocchini noti o venduti frequentemente, esiste anche una controparte adatta per il soprano. Il dettaglio è poi nascosto nel nome dell’articolo, ad esempio il popolare bocchino per principianti S80 C* di Selmer è disponibile con una diversa lunghezza di scala (diametro del foro) sia per il sassofono contralto che per il soprano. Assicuratevi di acquistare il bocchino giusto, altrimenti alla fine non andrà bene.

Cosa è importante in ogni bocchino per sassofono?

La dimensione più importante del bocchino è l’apertura del nastro. È il nome dato allo spazio che si crea quando l’ancia si appoggia al bordo piatto del bocchino. I bocchini hanno spesso una designazione come 4C o 6*. Il numero indica l’ampiezza dell’apertura, su una scala da 3 a 10. 3 è l’apertura più piccola, 10 quella più grande. Più piccola è l’apertura, meno aria è necessaria e più facile è controllare la lama. Lo Yamaha 4C, ad esempio, è IL bocchino standard per i principianti e un buon punto di riferimento quando si cerca un bocchino adatto: 3 – 5 sono le misure da scegliere all’inizio.

Un bocchino per sassofono dal suono caldo

Anche la ricerca delle canne perfette è un po’ travolgente all’inizio, semplicemente a causa dell’enorme massa di prodotti. La maggior parte dei suonatori di lunga data ha già i suoi produttori preferiti e non ha bisogno di aiuto per scegliere il giusto spessore dell’ancia.

In generale, tuttavia, si consiglia di suonare un’ancia piuttosto dura su un bocchino con un’apertura piccola (3 – 5), mentre un’apertura grande (<7) richiede un’ancia morbida. Gli spessori delle canne sono venduti in base alla loro durezza o flessibilità. Per facilitare il più possibile la formazione delle prime note da parte dei principianti, all’inizio si consigliano spessori di ancia di 1 e 2, raramente anche di 3 – nonostante una piccola apertura. Gradualmente si può provare l’approccio con ance più dure, ma all’inizio una piccola apertura con un’ancia morbida è l’ideale.

Ance per sassofono per il sassofono soprano

Anche la ricerca delle canne perfette è un po’ travolgente all’inizio, semplicemente a causa dell’enorme massa di prodotti. La maggior parte dei suonatori di lunga data ha già i suoi produttori preferiti e non ha bisogno di aiuto per scegliere il giusto spessore dell’ancia.

In generale, tuttavia, si consiglia di suonare un’ancia piuttosto dura su un bocchino con un’apertura piccola (3 – 5), mentre un’apertura grande (<7) richiede un’ancia morbida. Gli spessori delle canne sono venduti in base alla loro durezza o flessibilità. Per facilitare il più possibile la formazione delle prime note da parte dei principianti, all’inizio si raccomandano intensità d’ancia di 1 e 2, raramente anche di 3 – e questo nonostante un orifizio piccolo. Gradualmente si può provare l’approccio con ance più dure, ma all’inizio una piccola apertura con un’ancia morbida è l’ideale.

Viti ad ancia per sassofono soprano

Le viti dell’ancia sono disponibili in tutti i tipi di materiali, proprio come i bocchini. I più comuni sono quelli in gomma, metallo o pelle. Mentre il metallo è percepito da alcuni musicisti come duro in termini di suono, la gomma e la pelle sono particolarmente apprezzate dai musicisti jazz che vogliono far risaltare la componente calda dei toni. Anche le proprietà leggermente smorzanti possono essere utili per un soprano, per rendere il suono un po’ più morbido.

Saxofono pulito

In linea di massima, con il soprano si è trovato anche un rappresentante particolarmente grato dei sassofoni, perché gli strumenti piccoli si puliscono più rapidamente.

Poiché non c’è il collo del sassofono, non è necessario fare nulla in questo caso. Pertanto, è sufficiente togliere l’ancia e il bocchino, asciugarli o pulirli con cura e metterli da parte. Successivamente è necessario asciugare la campana più volte con una spatola. Questo e tutti gli altri utensili si trovano nel kit di pulizia. Strofinare l’esterno dell’intera carrozzeria con un panno lucidante e, se necessario, trattarla con una lacca spray. Per una maggiore cura, i fori dei toni possono essere spazzolati o puliti con una garza lucidante una volta alla settimana.

Il sassofono più piccolo è in realtà il soprillo, molto più corto del soprano. Anch’esso accordato in Sib, inizia con un’intonazione di a1 e arriva fino a d4. Questo lo fa suonare ancora più in alto del sassofono soprano, che corrisponde grosso modo a una voce femminile o di donna molto alta. Il sassofono soprano viene quindi prodotto molto più spesso e ha una distribuzione più ampia. Per questo motivo viene spesso scambiato per il sassofono più piccolo.

Il sassofono soprano copre una gamma di note che va da La bemolle a Mi bemolle 3 (e3). Quanto un suonatore riesca a intonare in modo pulito e se riesca davvero a raggiungere il punto e3, tuttavia, dipende molto dall’abilità individuale del suonatore, ma naturalmente anche dalla qualità della lavorazione dello strumento.

Esistono sassofoni soprano curvi, ma sono molto più rari. In origine, Adolphe Sax, l’inventore del sassofono, progettò il soprano diritto perché l’intonazione alta è più stabile. La colonna d’aria all’interno si comporta quindi in modo simile a quella di un clarinetto alto. Una forma mista è un sassofono soprano diritto con un collo leggermente piegato, che risponde più facilmente grazie alla curvatura.