I 7 tipi di tromba in sintesi

Tipi di tromba
La tromba è uno strumento molto popolare.

La tromba è probabilmente uno degli strumenti a fiato più popolari. Dalla musica classica al rock, è presente in tutti i generi musicali. La particolarità è che si tratta di uno strumento a toni labiali. Ciò significa che la vibrazione che produce il suono è generata dalle labbra. L’esecutore diventa così parte dello strumento. Questo distingue la tromba da molti altri strumenti a fiato dove, ad esempio, come il sassofono, un’ancia di legno viene messa in vibrazione per produrre il suono. La gamma dipende dall’esecutore ed è compresa tra tre e quattro ottave. Vi mostriamo quali sono i tipi di tromba.

La differenza tra la tromba a valvola rotante e la tromba a valvola a pompa

Si fa una distinzione di base tra due tipi di tromba: La tromba a valvole rotanti, detta anche tromba tedesca, e la tromba a valvole a pompa, detta tromba Périnet. Le differenze riguardano le valvole e influiscono anche sul suono della tromba. Il resto della costruzione, tuttavia, è lo stesso.

La tromba a valvola rotante

La tromba a valvole rotanti è chiamata anche tromba tedesca. È utilizzato principalmente in Germania, Austria e Svizzera. È particolarmente popolare nel campo della musica sinfonica.

Come suggerisce il nome, le note di questa tromba sono regolate da valvole rotanti. Fisicamente, le valvole rotanti hanno lo stesso effetto delle valvole a pompa: il percorso dell’aria viene modificato e quindi anche il tono risultante. La differenza sta nella meccanica. Quando i pulsanti vengono azionati, il movimento viene trasferito a una valvola rotante. Questa viene quindi aperta e il flusso d’aria viene diretto attraverso l’arco della valvola. Se tutte le valvole non vengono azionate, si sente la serie di toni naturali dello strumento. È prodotto dalla tecnica di soffiatura dell’esecutore.

Oltre che per le valvole, la tromba tedesca si riconosce anche per il leadpipe più corto e la campana più grande. Nel complesso, il suono è un po’ più pieno rispetto alla controparte francese. È quindi particolarmente adatto all’uso orchestrale.

La tromba della valvola della pompa

Valvola della pompa Tipi di tromba
Con la tromba della valvola della pompa, il movimento viene trasmesso direttamente alle valvole.

La tromba con valvola a pompa, chiamata anche tromba Périnet, è stata originariamente sviluppata in Francia. Oggi si è affermata in tutto il mondo. Viene utilizzato non solo per il jazz, ma anche per brani classici e per la musica tradizionale per fiati. Le valvole della tromba Périnet sono più semplici di quelle della tromba tedesca. Quando si preme il grilletto, le valvole vengono spinte verso il basso, lasciando più spazio al flusso d’aria. Questo tipo di valvola lascia più spazio agli effetti come il glissando.

La tromba Périnet si riconosce anche per la campana più piccola e il bocchino più lungo. Ciò rende più facile la risposta di questa tromba. Nel complesso, il suono è un po’ meno corposo.

Le chiavi: tutte le trombe in un colpo d’occhio

Sia la tromba tedesca che la tromba périnet sono ulteriormente suddivise nelle diverse chiavi. Esistono i seguenti tipi di trombe per valvole rotanti e trombe per valvole a pompa:

Tipo di trombac1 suona comeGamma (annotata)
tromba ottavinoB/A, G/F, Es/D, Alto-Cf diesis – c”” 
Tromba in SibSibcome – e
Tromba in DoDocome – f diesis
Tromba in rerecome – g diesis
Tromba in mi bemollemi bemolle f diesis – c”” 
Tromba bassaB, C, D, Ebcome – B1
Una panoramica di tutti i tipi di trombe.

La tromba ottavino

I registri più alti possono essere raggiunti particolarmente bene dalla tromba ottavino, la cui gamma inizia a d’ ed è aperta verso l’alto a seconda dell’abilità dell’esecutore. La tromba ottavino è più comunemente utilizzata nell’accordatura Bb/A. Qui l’accordatura è possibile sia in Sib che in La. Questo avviene cambiando le imboccature. Questi possono essere sostituiti da altri più lunghi o più corti, producendo così note più alte o più basse. Tuttavia, esistono anche in accordatura G/F, E-flat, E-flat/D o high-C, sebbene siano molto meno comuni.

A differenza delle normali trombe in Sib o nei registri superiori, l’ottavino ha una quarta valvola per facilitare l’intonazione e la diteggiatura. Il suono è naturalmente un po’ più appuntito e sottile rispetto a quello di una tromba in Sib a corpo pieno ed è quindi meno adatto alla musica jazz, ma tanto meglio per i passaggi di segnale nei brani classici

La tromba ottavino è solitamente accordata in Sib/A. Tuttavia, esistono anche trombe ad ottavino accordate in Sol/F, Mi bemolle, Mi bemolle/D o Do acuto.

Il suono della tromba ottavino è visibile in questo video:

La tromba in Sib

Un buon modello per i principianti è la tromba in Sib. Come suggerisce il nome, si tratta di una trasposizione di una seconda maggiore inferiore al Sib.

Lo strumento ha le dimensioni standard che si associano direttamente allo strumento e raggiunge una lunghezza totale del tubo di circa 134 cm. Non va confusa con la tromba bassa, che può essere accordata anche in Sib, ma è notevolmente più grande.

Sulla tromba in Sib, il Do suonato suona una seconda abbondante più bassa del Sib.

La tromba in do

La tromba in do è l’unica che non traspone, ma in cui le note udibili corrispondono esattamente alle note diteggiate. In termini di dimensioni, è molto simile alla tromba in Sib, con l’unica differenza di un suono un po’ più brillante. A volte viene utilizzata in passaggi orchestrali che sarebbero più difficili da eseguire con una tromba in Sib. Per il resto, però, non offre alcun vantaggio al principiante.

La tromba in do non si traspone. Anche il Do diteggiato viene suonato come Do.

La tromba in re e in mi bemolle

Sia la tromba in re che quella in mi sono più piccole delle loro controparti in si, per questo hanno un suono più brillante. La tromba in re traspone un secondo più in alto, quella in mi bemolle una terza più in alto. Per sostenere l’intonazione dei registri alti, le trombe in mi bemolle hanno spesso una quarta valvola. Entrambe le altezze sono spesso utilizzate per i passaggi acuti in orchestra.

Se la tromba in re è accordata in re, il do diteggiato suona una seconda superiore al re. Sulla tromba in mi bemolle, invece, il do suona una terza superiore al mi bemolle.

La tromba bassa

La tromba bassa non si trova molto spesso perché lo strumento è molto grande e, con circa 2 kg, anche piuttosto pesante. Per questo motivo viene utilizzato maggiormente negli ensemble classici o nella musica militare. Lo strumento è lungo circa 60 cm, ma ha una lunghezza del tubo di avvolgimento che può arrivare fino a 2,60 m.

Questo fa sì che il suono sia molto più profondo rispetto ai suoi parenti più piccoli, ma sempre più brillante rispetto a quello di un trombone, ad esempio. Di solito è accordato in Sib, ma è disponibile anche in Do, Re e Mi.

La tromba bassa è disponibile nelle accordature Bb, C, D e Eb.

La tromba naturale

La tromba naturale è caratterizzata dall’assenza di valvole. Può suonare solo le note naturali, cioè le note che l’esecutore può produrre con diversi tipi di embouchure misurati dalla lunghezza del tubo. Le trombe naturali sono state utilizzate fin dall’antichità. Nel Medioevo venivano utilizzati principalmente per scopi militari. Furono sostituite solo con l’invenzione della valvola per strumenti a fiato nel 1815. In questo modo è stato possibile produrre scale cromatiche.

FAQ: La tromba

La gamma di una tromba dipende dall’esecutore. I trombettisti professionisti possono suonare da 3 a 4 ottave.

Esistono fondamentalmente due tipi di tromba: La tromba tedesca o a valvole rotanti e la tromba Périnet o a valvole a pompa. Entrambe le varianti sono disponibili nelle accordature Bb, C, D, Eb, Bass e come tromba ottavino.

Non tutte le trombe sono accordate in Sib, esistono anche trombe in Re o in Mi bemolle, ad esempio. L’accordatura in Sib si è rivelata semplicemente la più popolare tra le trombe.

Le trombe hanno solitamente tre valvole. Raramente hanno anche 4 valvole. In questo modo il suono diventa più voluminoso e si possono combinare più diteggiature.