Imparare il sassofono: con questi 6 consigli migliorerete velocemente!

Imparare il sassofono in modo semplice! Avete finalmente acquistato o preso in prestito il vostro sassofono e volete muovere i primi passi per impararlo con successo, ma da dove cominciare? Soprattutto chi vuole imparare lo strumento da autodidatta sarà sopraffatto all’inizio. Come si assembla lo strumento? A cosa bisogna prestare attenzione quando si fissa l’ancia? E come si fa a produrre un suono con esso? Sorgono domande su domande, come si può vedere in questo autoesperimento. Ecco perché cerchiamo di darvi una buona panoramica di ciò che deve essere fatto prima.

Assemblaggio del sassofono: come assemblare correttamente lo strumento prima di suonarlo

Prima di iniziare a suonare, è necessario assemblare correttamente lo strumento. Le parti che dovreste avere ora sono il corpo dello strumento, il collo del sassofono, il bocchino, un’ancia, una vite per l’ancia e una cinghia. Ecco una guida passo passo:

La costruzione del sassofono sembra più complicata di quanto non sia.
La costruzione del sassofono sembra più complicata di quanto non sia.
  1. Prendere la foglia e inumidirla un po’ con la lingua. Quando è bagnato, è più facile vibrare.
  2. Ora posizionate l’ancia con il suo lato liscio sulla traccia anch’essa piatta del bocchino. Deve essere posizionato in modo che sia a filo con il bordo del bocchino nella parte superiore. Se sporge o non arriva del tutto, non sarà possibile suonare bene.
  3. Tenere la lama in posizione e far scorrere la vite della lama su di essa. Le viti devono trovarsi anche sul lato inferiore liscio. Quando tutto è in posizione, stringere le viti in modo che non si sposti nulla durante la riproduzione.
  4. Il bocchino preparato viene ora posizionato sul collo del sassofono. Se il sughero è secco o molto nuovo, è necessario prima strofinarlo con del grasso per sughero. Il lato liscio del bocchino con le viti si trova anche nella parte inferiore dell’arco a S. La parte superiore dell’arco a S è il punto in cui poggia la chiave di ottava allungata, mentre la parte inferiore è la curva sottostante.
  5. Ora mettete il lato imbottito dell’imbragatura intorno al collo e fissate il corpo del sassofono su di esso. Il moschettone dell’imbragatura è collegato a un gancio sul retro del sassofono.
  6. Ora non dovrete più preoccuparvi che lo strumento scivoli via quando fissate il collo del sassofono al corpo con attenti movimenti di rotazione. È molto importante che la chiave di ottava, che ha un’estensione simile a un gancio nella parte inferiore, sia spinta sul perno di collegamento all’esterno del corpo. Il perno di collegamento o l’aletta dell’ottava potrebbero piegarsi se l’arco a S viene spinto troppo bruscamente e una tale riparazione non è favorevole.
  7. Una volta posizionato l’arco a S, è comunque facile spostarlo avanti e indietro, quindi è necessario allinearlo con il bocchino dritto all’indietro e stringere le viti all’incrocio tra il corpo e l’arco a S.

Qual è la postura corretta per il sassofono?

Prima di tutto, familiarizzate con tutti i tasti del vostro strumento. Chiunque abbia suonato un altro strumento a fiato sa che le diteggiature sono molto simili. La mano sinistra è posta in alto, l’indice, il medio e l’anulare poggiano sui tasti ricoperti di madreperla. Sul retro c’è un piccolo pulsante sul quale si può appoggiare il pollice quando il tasto dell’ottava non è necessario. L’indice, il medio e l’anulare della mano destra si appoggiano sui tasti ricoperti di perle. Sul retro è presente un appoggio per il pollice. In questo modo si stabilizza lo strumento.

Praticare l’embouchure del sassofono

Quando si impara il sassofono, l’embouchure è l’elemento fondamentale. Si riferisce al modo in cui si mette in bocca il bocchino e, naturalmente, a come si tendono i muscoli intorno ad esso per ottenere un suono dallo strumento. Esistono due varianti: quella aperta (embouchure jazz) e quella classica chiusa.

L’imboccatura chiusa del sassofono

Tradizionalmente, il bocchino viene suonato chiuso, proprio come un clarinetto. Gli incisivi poggiano sulla plastica del bocchino a circa un centimetro dal bordo, mentre il labbro inferiore è leggermente arricciato e premuto contro l’ancia con una pressione moderata. Assicuratevi che le labbra non siano troppo avanti o troppo indietro rispetto all’ancia, altrimenti non si sentirà alcun suono o un suono molto debole. I denti della mascella inferiore non toccano l’ancia, altrimenti non può vibrare. Questo approccio è solitamente più facile per i principianti, ma a lungo andare è faticoso e può privare il tono della sua pienezza.

L’approccio aperto del sassofono

L’embouchure più moderna, aperta, è chiamata anche embouchure jazz, ma è utile per tutti gli stili musicali perché produce un suono chiaro, potente e non sforzato. Gli incisivi non toccano l’imboccatura perché questa è trattenuta dal labbro superiore. Il labbro inferiore si appoggia liberamente all’ancia e non deve schiacciarla. Il vantaggio dell’embouchure è che la bocca è complessivamente sciolta e rilassata, il che favorisce un flusso d’aria aperto e scorrevole. Chi padroneggia bene l’embouchure aperta ha meno bisogno di premere l’aria e corre meno rischi di sviluppare un tono metallico o pressato. È sicuramente utile testare entrambi gli approcci in modo approfondito e verificare quello con cui ci si sente più a proprio agio.

Esercitare la spinta della lingua del sassofono

Soffiare semplicemente nello strumento non aiuta molto a lungo termine, anche se all’inizio è un buon esercizio di respirazione espirare il più a lungo possibile con un “fffffffff” controllato. Con il sassofono, come con altri strumenti a fiato, oltre a soffiare in modo controllato, è necessario tenere l’ancia con la lingua, in modo da ottenere un tono stabile quando la si lascia andare.

Ciò è dovuto all’inerzia dell’ancia. Se non viene tenuta all’inizio, l’ancia vibra lentamente fino a quando la nota non è chiaramente presente. Fino a quel momento il suono è sbiadito, cosa che vogliamo evitare dal punto di vista stilistico e che è sfavorevole nei brani in cui la stessa nota deve essere suonata più volte in successione. Pertanto, l’uso della lingua deve essere allenato costantemente. Il modo migliore per farlo è suonare e fermare le singole note più volte o esercitarsi in sequenze di scale. Il termine “spinta” non ha molto a che fare con una spinta vera e propria, perché in pratica si lascia andare l’ancia, ma come immagine del processo, il termine è certamente utile.

La tabella delle diteggiature per sassofono

Le tabelle delle diteggiature sono uno strumento meraviglioso all’inizio per conoscere gradualmente tutte le note e interiorizzare le diteggiature. In seguito, naturalmente, non saranno più necessari, ma chi non ha mai tenuto in mano un sassofono sarà grato per il riassunto illustrato. In rete si trovano tabelle di diteggiatura gratuite e riassunti compatti a pochi euro. Ad alcuni piacciono anche i poster con le tabelle delle diteggiature, in quanto rendono superflua la loro ricerca. Quando si sceglie una tabella di diteggiatura, bisogna tenere presente che la diteggiatura varia a seconda del tipo di strumento. Le diteggiature per soprano e contralto sono quindi diverse. I riassunti per tutti gli strumenti sono più comodi se si vuole imparare un’altra tonalità in un secondo momento.

Suonare le prime note del sassofono

Ora che sapete come tenere lo strumento e avete un’idea di come funziona l’embouchure in teoria, potete iniziare a suonare una prima nota. Il più semplice è il Sol. Per farlo, chiudere tutti e tre i fori dei toni della mano sinistra, appoggiare la mano destra senza chiudere le chiavi e bilanciare il sassofono con il pollice. Esercitatevi a colpire la nota più volte e a mantenerla per un po’. Non appena si è trovato un feeling con la produzione timbrica, si può iniziare a suonare alternativamente i valori delle note intere e delle mezze note. Si controlla il flusso d’aria con i muscoli addominali e la delineazione delle singole note con la spinta. Non stupitevi se, dopo aver suonato uno strumento accordato in Do, all’inizio vi sembrerà strano che un Sol non suoni come il Sol che vi aspettate.

Suonare la scala del sassofono

È possibile imparare gradualmente il sassofono seguendo la tabella delle diteggiature e praticando le note nel seguente ordine (con difficoltà crescente): Sol – La – Si – Do (alto) e Fa – Mi – Re – Do. È più facile esercitarsi prima con la scala completa dall’alto verso il basso. Una volta acquisita la padronanza e la capacità di suonare in modo impeccabile sia in alto che in basso, si può aggiungere la chiave di ottava sotto il pollice sinistro a partire dal re” per suonare la stessa scala un’ottava sopra. Poiché ne esistono altre oltre alla scala maggiore, ha senso lavorare per un principiante con scale diverse e conoscenze teoriche di base.

Trova gli spartiti per sassofono

Non appena avrete iniziato e vi sentirete a vostro agio con il vostro strumento, potrete iniziare a scegliere semplici brani per principianti. Naturalmente, il modo più semplice è quello di acquistare un libretto di musica per principianti, poiché i brani in esso raccolti si basano sul successo di apprendimento delle pagine precedenti e allenano le capacità di suonare in modo mirato. Dopo tutto, si vuole rendere l’apprendimento del sassofono il più semplice possibile. Un buon primo indirizzo è, ovviamente, Thomann. Si possono trovare migliaia di libri di musica per tutte le altezze e tutti i generi, a volte anche pezzi più rari che altrimenti non sono così facili da reperire.

Qui potete trovare gratuitamente gli spartiti per sassofono

Se siete alla ricerca di qualcosa di insolito o non potete spendere soldi in libri di musica all’inizio, ma volete comunque imparare il sassofono, ci sono alcuni ottimi indirizzi in rete dove potete trovare spartiti gratuiti o playalong con cui esercitarvi. Pinterest, ad esempio, è consigliato. È possibile trovare un numero sorprendente di pezzi anche nella ricerca per immagini di Google. Se non volete solo gli spartiti, ma cercate anche un sottofondo musicale con cui suonare, potete trovare delle raccolte di playalong su YouTube.

  1. Raccolta di spartiti su Pinterest
  2. Play Alongs su YouTube

È sempre possibile utilizzare lo spartito per sassofono Happy Birthday

È sempre aggiornato, si può usare ogni anno ed è ottimo per i principianti per provare: “Happy Birthday”! Se state muovendo i primi passi con il sassofono, potete rendere felici gli altri e presentare con orgoglio i vostri primi risultati.

Lezioni di sassofono

Imparare il sassofono non è difficile
Imparare il sassofono non è difficile

Se non vi fidate di imparare da soli, ci sono numerose scuole di musica e insegnanti privati di musica nella vostra zona che possono aiutarvi a imparare il sassofono con lezioni private o di gruppo con amici. Imparerete a conoscere lo strumento, farete esercizi significativi e variegati, imparerete le basi della teoria musicale e potrete decidere da soli quale direzione musicale volete intraprendere.

Esistono lezioni di sassofono online?

È un’ottima cosa, perché i corsi online sono ovviamente molto più economici delle lezioni private con un insegnante di musica locale. Inoltre, si ha una maggiore flessibilità di orario e non si è più ostacolati dal lavoro o da altri impegni per imparare il sassofono da adulti.

In linea di principio, il sassofono non è più impegnativo di altri strumenti. Tuttavia, ci vuole tempo per padroneggiarlo bene, perché è necessario investire alcune ore di pratica fino a quando la coordinazione sullo strumento funziona automaticamente, il suono arriva pulito, le note possono essere suonate fluentemente dall’ancia e l’orecchio è allenato in modo che le difficoltà di intonazione dello strumento possano essere compensate dall’embouchure. In linea di principio, però, nulla di tutto questo è difficile e con una pratica regolare e un buon insegnante, riuscirete a superare tutti gli ostacoli.

Sì, il sassofono è un ottimo strumento per i principianti. Viene già appreso dai bambini delle scuole a fiato, è facile da maneggiare e offre un’ampia gamma di possibilità espressive su cui costruire musicalmente. Su di esso si possono musicare sia brani classici che più moderni ed è proprio grazie a questa versatilità che è uno strumento molto popolare.

In linea di principio, è possibile imparare il sassofono in modo autodidattico, ma ciò richiede una certa disciplina, il piacere della ricerca e una buona letteratura introduttiva per avere le basi a filo. Se le lezioni private con un insegnante sono troppo costose, anche le offerte online possono aiutare a muovere i primi passi sotto la guida di un insegnante.